Come una diva

Si possono amare le cose belle solo in relazione al loro lato oscuro. Così una donna, così un amico, così un libro che finisce quando finisce la notte, che è sublime anche se chi l'ha scritto era un filonazista antisemita dalle affermazioni stomachevoli. Così una canzone che rimane bella negli anni anche se un'accolita di deejay infoiati l'ha passata per … Continua a leggere

Gabrielle

e io non conosco mica nessunoche sia capace a sporcarsi la facciasenza giocare un pochino ai soldati. e conto i nei a lato del tuo colloché per quanto ci si sforzi, Gabrielleproprio non siam capacia giocare agli adulti e a drizzare la schiena. e ho un ricciolo di vitache pulsa nelle taschetra la stilograficae la voglia di caffè Gabrielle, vita … Continua a leggere

Una leggerezza inutile

E prende come una vertigine ad annusare questi giorni tutti uguali e l'odore delle spezie che si appiccica ai vestiti. Non c'è niente di esotico nella mia città. Solo il sole e le lenzuola bianche appese ai balconi. E i pensieri sembrano fazzoletti colorati. Sciocchi. Foulards. Un'afa maleducata e solida e il problema non è esser frivoli. Chi più chi … Continua a leggere

Uno scarabocchio

Un sorriso ch'è uno scarabocchio e tanto basta per non sentirsi nudi. Un paio di occhiali e le dita che sanno di pomodoro fresco. Cammina e guarda in terra. A chi gli chiede come va risponde guardandosi le unghie. Un vecchio clown lento e annoiato che balla il tip tap risvegliando l'allegria nei piedi. Da qualche parte bisogna pur ri-cominciare…

Azzurro

Si gioca alla vita, già di buon mattino, piccoli piccoli e incapaci di sopravvivere alla sporcizia dei saluti. Lo sgocciolio lento di due mani che si separano. E occorre avere un cuore per perder sangue, altrimenti è routine. Ma il tempo impregna i vestiti e insegna l'attesa, quella che prima tormenta, poi comincia a scorticare, poi è roba già vista … Continua a leggere