Paranoid

8d8602fe83307971fa5e1cb7a408e665.jpg

Sono paranoico, una condizione come un’altra, solo un po’ più brutta. Clarisse ha imparato a cucinare le minestre di legumi e io non scordo mai di complimentarmi per quanto è diventata brava. Ogni tanto mi accarezza la faccia e mi dice di tagliarmi la barba, dice che non le piace vedermi così trascurato. Clarisse sopporta tutte le mie stranezze e i miei sbalzi di umore, si prende cura di me, mi aspetta quando faccio tardi la sera e finge di non accorgersi che fumo in bagno di nascosto. Ma non durerà ancora a lungo, lei ha un nome francese. Non ho fame, capita sempre più sovente, eppure mangio come se non fossi capace di fare altro. Ingrasso a vista d’occhio e ho serie difficoltà a respirare. Credo di avere qualcosa di grave, me ne accorgo da un fischio che parte dal petto e che mi fa assomigliare a una pentola a pressione. Ma non ne sono sicuro. L’altra sera ho creduto di aver ingoiato un pezzo di vetro e per qualche ora l’ho sentito muoversi nello stomaco. Non ho più mangiato niente per più di ventiquattrore. Avevo paura che mi squarciasse gli intestini e non sono riuscito a prendere sonno, ma non ho avuto il coraggio di dirlo a Clarisse, mi avrebbe preso per matto.

 

Paranoidultima modifica: 2007-09-19T15:43:41+02:00da egidio.guerra
Reposta per primo quest’articolo

30 pensieri su “Paranoid

  1. Ho fatto una passeggiata nel tuo blog, mi è piaciuto assai. Come vedi non è necessario darsi tanto da fare per essere visibili. Può capitare di passare per caso e restare lì a lungo, con il desiderio di commentare uno a uno tutti i post. Mi sono limitata a commentare la tua paranoia e Clarisse ( francese e fantastica,a proposito) perché era l’ultimo. Ora andrò a leggere anche il tuo racconto.

Lascia un commento